• facebook
FLYING ON

PROGETTO ECHO: TEAMVIEWER COLLEGA LA TERRA ALLO SPAZIO PER MONITORARELA SALUTE DEGLI ASTRONAUTI

  • CORRIERE DEL VOLO
  • 1 year ago
  • SPAZIO
  • 0

L’Agenzia Spaziale Francese (CNES) illustra i risultati della collaborazione con TeamViewer in occasione della conferenza CRIP. La nuova anteprima aggiunge nuove funzionalità per soddisfare i requisiti fondamentali di Help Desk

Parigi/Goeppingen, 21 giugno 2017TeamViewer®, azienda leader globale nella fornitura di software per reti digitali e collaborazione, rende nota la collaborazione con l’Agenzia spaziale nazionale francese (Centre National D’Études Spatiales, CNES) per il progetto ECHO che è stato ideato con lo scopo di monitorare gli effetti dei viaggi spaziali sulla salute degli astronauti che lavorano a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e per migliorare le conoscenze sul corpo umano, sulla fisica e sulla biologia.

Centre National D’Études Spatiales

Il progetto ECHO è parte integrante della missione spaziale di sei mesi che deve disporre di laboratorio di ricerca in assenza di gravità sull’ISS e condurre esperimenti scientifici per centinaia di ricercatori sulla Terra. Il progetto si basa sul più avanzato ecografo e sistema a ultrasuoni disponibili sul mercato, unitamente alla funzionalità di TeamViewer che consentono di collegare gli specialisti che si trovano sulla Terra con le persone nello spazio.

L’ecografo a distanza è gestito fisicamente dall’astronauta a bordo della stazione spaziale, ma grazie a TeamViewer, viene controllato da un esperto sulla Terra. L’astronauta ha bisogno solo di una conoscenza fondamentale dell’anatomia umana per mettere la sonda dell’ecografia sulla zona del corpo da indagare. Le analisi vengono poi effettuate dagli specialisti di ultrasuoni sulla Terra; la qualità delle immagini trasmesse è eccellente e la risposta della sonda è eccezionale, consentendo così una diagnosi medica rapida e precisa.

A seguito di una ricerca che ha evidenziato un notevole cambiamento dei vasi sanguigni dopo sei mesi trascorsi in micro gravità, gli esperimenti hanno lo scopo di verificare come il viaggio spaziale possa influire sulla condizione umana, assicurando agli astronauti un ritorno sicuro e sano dalla missione. Nella scelta della dotazione tecnica, gli scienziati responsabili del progetto ECHO hanno dovuto tenere conto dei vincoli dettati dalla particolare situazione ovvero la necessità di preservare la riservatezza dei dati, di assicurare le condizioni ottimali per l’ecografo sull’ISS, di rispettare le norme di sicurezza della stazione e i vincoli tecnici legati al protocollo di rete IP come per esempio ‘le zone d’ombra’.

Il CNES aveva bisogno di una soluzione per lavorare in modalità remota e che fosse in grado di garantire il collegamento tra lo specialista e il paziente. TeamViewer è in grado di soddisfare perfettamente queste esigenze fornendo suoni, immagini, video e trasferimento dei file.  TeamViewer ha lavorato al fianco del CNES per progettare un collegamento privato, facile da usare e che consente ai ricercatori spaziali e terrestri di interagire e studiare l’impatto del viaggio spaziale sugli esseri umani.

Il progetto è stato presentato nel corso della conferenza CRIP a Parigi il 21 giugno, dove gli esperti del CNES hanno discusso dettagliatamente il caso di utilizzo. Per ulteriori informazioni sul progetto ECHO: https://www.youtube.com/watch?v=eN_1HXwV4Ds

A proposito di TeamViewer. TeamViewer®, principale fornitore di software a livello mondiale per le reti digitali e la collaborazione. Fondata nel 2005 a Göppingen, Germania, l’azienda impiega circa 700 persone provenienti da oltre 50 Paesi. Il suo prodotto di punta, TeamViewer, è una soluzione all-in-one per il supporto, l’accesso remoto e i meeting online. Il software è oggi attivo su oltre 400 milioni di dispositivi di cui almeno 25 milioni sempre collegati a TeamViewer. Il portafoglio di prodotti dell’azienda si completa con soluzioni per il monitoraggio IT, il backup dei dati, anti-malware e web-conferencing. TeamViewer è stata acquisita da Permira nel 2014.

Previous «
Next »

Lascia un commento